FOLLOW US

SEARCH SITE BY TYPING (ESC TO CLOSE)

+39 338 879 6888en
itde

Skip to Content

Food Tour e Museo dell'Aceto Balsamico

Partiremo dal cuore di Modena, passeggeremo per le stradine del centro storico  ammirando alcuni dei monumenti più importanti. Sosteremo per un break goloso presso un locale tipico e assaporeremo l’atmosfera tranquilla e conviviale di questa città. Arriveremo allo storico Mercato Albinelli, il mercato alimentare coperto, inaugurato nel 1931, il più antico della città, dove tra botteghe di salumi, formaggi, banchi di frutta, verdura e pesce faremo il nostro pranzo con le specialità modenesi.

Ci trasferiremo poi a Spilamberto per scoprire l Aceto Balsamico, un piccolo mito squisitamente locale, un’unicità nei secoli gelosamente custodita nelle acetaie di famiglia.

In questo piccolo borgo nella storica Villa Fabriani, ha sede la Consorteria dell’ Aceto Balsamico Tradizionale e il Museo del Balsamico Tradizionale, qui scopriremo la complessità della sua preparazione resa perfetta dal tempo e dall’esperienza.

Attraverso le sale del Museo ci verranno spiegate le caratteristiche tecniche, gli oggetti legati alla produzione  e  curiosità storiche. Passeremo nelle sale della Consorteria che si occupa di valorizzare e tutelare questo prodotto, vedremo la boccetta vincitrice della gara annuale del Palio di S. Giovanni, in cui Maestri Assaggiatori ogni anno, premiano i campioni di Aceto Balsamico Tradizionale

Infine nel sottotetto della Villa raggiungeremo l’Acetaia Sociale, luogo che ospita le batterie di “vaselli”, tra queste una batteria  in perfetta attività  che porta il peso e la polvere di due secoli di storia.

Nel sottotetto si trova una piccola sala per gli “assaggi” dove degusteremo questo elisir e scopriremo gli aromi,i profumi e i gusti di questo inimitabile prodotto.

 

Forse non tutti sanno che…

  • gli aceti balsamici tradizionali possono partire da un prezzo di circa 400 euro al litro e arrivare a valutazioni di oltre 3000 euro!
  • le principali caratteristiche da valutare per stabilire la qualità dell’aceto balsamico DOP sono: l’intensità del profumo; l’armonia tra dolcezza, acidità e corpo; la persistenza del retrogusto, come pure la densità ( ma solo se ottenuta da una lenta e tradizionale lavorazione)
  • l’aceto Balsamico DOP di Modena e Reggio Emilia viene anche denominato “oro nero” per la sua preziosità!
  • esistono anche edizioni limitatissime dei  “100 Anni”, un aceto balsamico estratto da preziose batterie di botti produttive dal 1700!

Back To TopBack To Top